SetUp su Utopic: la nuova frontiera del coinvolgimento

Chiude l’Art week bolognese con risultati sorprendenti di pubblico e partecipazione.
Non parliamo a caso di “partecipazione” e “coinvolgimento”. Quando le distanze tra quadro e vissuto del visitatore provano ad accorciarsi anche un mondo elitario come quello della scena artistica trova nuove strategie per dialogare con le persone che timidamente si affacciano alla soglia delle gallerie. Complice di questa nuova visione dell’arte è la piccola rivoluzione di Utopic che come una calamita cerca di raccogliere l’entusiasmo degli appassionati d’arte per trasformarlo in opportunità.